lunedì 18 marzo 2013

Papa Francesco e i finti adulatori



Osserviamo la "didascalia" che accompagna una foto ( tagliata) di Papa Francesco.
Cosa ci si può aspettare da una società come la nostra in via di disfaciamento ?
Solo escrementi e sciacallaggi.
Pensate che su facebook, dove questa foto è stata diffusa in una pagina chiamata " Papa Francesco " ha ricevuto quasi 1200 " condivisioni " quasi tutte da parte femminile. 
" Ho già provveduto a segnalare a Fb, benché non servirà a nulla, l'INFAME e MISERANDO commento posto in calce alla fotografia. In attesa di segnalarlo, immantinente, alla polizia postale. 
Vorrei sapere chi è quel perfetto ... che gestisce tale pagina...
Ché se questo è il metallo con cui è forgiato il cardine inconcusso su cui sarà imperniato l'avvento del nuovo pontificato, ed io ne sono CERTISSIMO, la tanto decantata ermeneutica della continuità va bellamente alle ortiche. 
Quando fa comodo la si rispolvera tentando d'accomunare l'IMPOSSIBILE e quando invece torna utile la frattura col vecchio regime, per propagandare il più becero e demagogico pauperismo d'accatto, non ci si cura minimamente d'evitare affronti gravissimi, infamie e persino sacrilegi non solo alla memoria del passato Pontefice ma bensì a 2000 anni di gloriosissima storia del Papato romano. 
Che vergogna che sono gli italiani ! 
Meritano PLENE il regime politico immondo che li governa".
La didascalia sotto la foto di Papa Francesco è stata furbescamente aggiunta da un nemico della Chiesa con lo scopo di infangare la memoria di Papa Benedetto XVI  e del Beato Giovanni Paolo II . 
Ringrazio il giovane fedele che,  nella sua incrollabile fede cattolico-romana, ha provveduto a segnalare la foto .

La didascalia  appiccicata alla foto ancor più pungente nella sua brevità indica tutta la perfidia di coloro che "inneggiando" in modo falso e anticristiano al nuovo Pontefice vogliono gettare nel fango la memoria di Colui che tra mille difficoltà ha retto la Barca di Pietro fino al 28 febbraio 2013.  
Benedetto XVI, occorre ricordarlo, in tutto il suo pontificato ha dovuto confiderare  solo nell’aiuto divino essendogli  mancata la collaborazione di coloro che gli avevano giurato fedeltà e obbedienza !
Ho sempre confidato che  nella Santa Chiesa Cattolica, fra cattolici della stessa confessione di fede, non esistesse lo sciacallaggio nei confronti di un precedente Papa  ma il comportamento  del signor Boffo, direttore di TV2000, e di tanti altri mi ha aimè aperto gli occhi a ben altra realtà !
Al mare in piena tempesta, a causa della disobbedienza dei chierici, sono arrivati sulla Barca di Pietro anche i fulmini dei mass media .
La nostra è comunque una battaglia persa : nessuno può nulla contro la banalità e la demagogia mass mediatica  !
D’altronde il mite Benedetto XVI era GIA' CONDANNATO perchè nel 1983 quando era il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, fece inserire nel nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica una  nota previa, ovviamente firmata da Papa Giovanni Paolo II,    pubblicata sull’Osservatore Romano, con la specificazione: I fedeli che appartengono alla Massoneria sono in stato di peccato mortale”.
E' un miracolo che il suo pontificato sia giunto fino al 28 febbraio 2013 anni ed è un prodigio che l’anziano Ratzinger-Benedetto XVI sia ancora in vita.
Termino questo post con il saggio commento alla miseranda foto di un giovane studente liceale :
" C'è molto di anticristiano nell'affermazione "non tutti vestono Prada", che vuole significare "questo Papa non indossa le scarpe rosse di Prada che indossava Benedetto XVI" ( ma anche Giovanni Paolo II N.d.R.), quando le scarpe rosse di Sua Santità erano fatte da un artigiano novarese, del tutto gratuitamente." ( Aggiungo che l'attuale Pontefice può indossare solo scarpe speciali ! N.d.R.)
Diciamocelo chiaramente senza tanti giri di parole : Papa Benedetto XVI andava “messo da parte” ( “ noi puntiamo molto sulla Chiesa e su un Papa carismatico perché si prevedono tempi difficili a causa della crisi economica… se crolla anche la Chiesa che facciamo ? – mi ha confidato un imprenditore ).
Rimosso, finalmente Ratzinger-Benedetto XVI, l'uomo della nota previa contro la Massoneria, ora deve incominciare la SPOLIAZIONE DELLA SUA  IMMAGINE E DELLA SUA MEMORIA !!!
Peccato che la perversa operazione  è iniziata proprio fra fra i Consacrati !   
La cosa ci addolora ma non ci sorprende :  non nutriamo infatti alcun dubbio sulla perfidia dei chierici infedeli !
Confidiamo che Papa Francesco con la sua energia e il suo decisionismo rimetta tutti a posto, incominciando dai chierici infedeli !
Qualcuno si chiederà pure perchè, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, tanti Cardinali Elettori han voluto scegliere, in fretta, un supremo Pastore Universale dotato di tanta personalità e ... fuori dagli schemi curialeschi ...
Andrea Carradori